MASSIMO BENEDETTELLI

CV  |  VCARD

email: massimo.benedettelli@arblit.com
phone: +39 02 8425 4810

ISTRUZIONE

  • Ph.D. (European University Institute, Firenze, 1987)
  • Laurea Giurisprudenza (Università “Aldo Moro”, Bari, 1984)
  • LL.M., (University of Pennsylvania School of Law, Philadelphia, 1983)
  • Laurea in Scienze Politiche (Università “Aldo Moro”, Bari, 1979)

 

ABILITAZIONI

  • Ordine degli Avvocati di Milano
  • Albo Speciale Cassazionisti

 

LINGUE

  • Italiano, Inglese, Francese

Massimo è name partner di ArbLit dall’ottobre 2014.

Su designazione dell’ICC World Council Massimo è stato nominato membro per l’Italia della ICC Court of Arbitration per il triennio 2021-2023. Dal luglio 2018 Massimo aveva già fatto parte della ICC Court come alternate member.

Massimo è professore ordinario presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università “Aldo Moro” di Bari, dove è titolare della cattedra di Diritto internazionale. Professore di ruolo dal 1994, nel corso della sua carriera accademica ha insegnato anche Diritto internazionale privato, Diritto internazionale dell’economia, Diritto dell’Unione Europea e Diritto commerciale europeo.

Su incarico del Curatorium dell’Accademia di Diritto Internazionale dell’Aia, Massimo terrà un corso intitolato “Powers in International Arbitration between Party Autonomy, Arbitral Authority and State Sovereignty” nell’ambito della Winter Session 2022.

I suoi interessi professionali e accademici si concentrano su arbitrato internazionale, diritto societario internazionale, diritto fallimentare e diritto europeo.

Da settembre 2020 è membro del Consiglio dell’AIA – Associazione Italiana per l’Arbitrato, ente che opera sotto l’egida della Camera di Commercio Internazionale.

Fino a luglio 2018 Massimo ha guidato la delegazione italiana presso la Commissione Arbitrale della ICC. È anche membro del Consiglio Arbitrale dell’ACIAM, Atlanta (GA).

Dal 2001 al giugno 2014 Massimo è stato partner di Freshfields Bruckhaus Deringer, dove ha fatto parte dell’International Arbitration Group e del Corporate Practice Group. In Freshfields è stato anche membro per 6 anni del Partners Recommendation Committee, l’organo dello studio incaricato di proporre l’elezione alla partnership di associati e lateral hires.

Massimo ha iniziato la sua attività professionale nel 1986 presso l’Ufficio Legale dell’ENI – Ente Nazionale Idrocarburi S.p.A., dove ha maturato esperienza nel settore energetico, partecipando alla negoziazione di varie joint venture e progetti di costruzione, nonché ad arbitrati internazionali.

Nel 1990 è entrato come collaboratore in Chiomenti Studio Legale, uno dei più prestigiosi studi italiani, dove è stato partner dal 1996 fino al novembre 2001, data in cui ha lasciato lo studio per entrare in Freshfields.

Uno dei principali specialisti italiani in materia di arbitrato, nel corso della sua carriera Massimo ha agito come avvocato o come presidente di collegi arbitrali, arbitro unico o arbitro nominato dalle parti in numerosi arbitrati internazionali e nazionali. La sua esperienza comprende in particolare procedimenti ai sensi del Regolamento ICC, del Regolamento UNCITRAL e del Regolamento Arbitrale della Camera Arbitrale di Milano, così come arbitrati ad hoc in relazione ad una serie di materie e settori quali contratti EPC/costruzioni, controversie post-M&A, joint ventures, energia, telecomunicazioni, proprietà intellettuale e investimenti internazionali. Gli arbitrati in cui è stato coinvolto si sono svolti in diversi luoghi (Milano, Parigi, Bruxelles, Zurigo, Ginevra, Istanbul, Sanaa, Baghdad, Buenos Aires) e sono stati caratterizzati da leggi procedurali e sostanziali di diverse giurisdizioni (Italia, Francia, Svizzera, Turchia, Inghilterra, Iraq, Brasile, Argentina) nonché dal diritto internazionale pubblico.

Come ex membro della practice di arbitrati internazionali di Freshfields, e precedentemente di Chiomenti, Massimo ha assistito importanti clienti nazionali e internazionali in relazione ad arbitrati internazionali di alto profilo e ha servito come arbitro in questioni altamente sensibili.

Inoltre, in quanto avvocato attivo nel settore del diritto degli affari, Massimo è stato coinvolto in alcune delle maggiori privatizzazioni italiane, in grandi progetti infrastrutturali nei settori oil&gas e delle energie rinnovabili, in operazioni su portafogli immobiliari, acquisendo così una profonda esperienza in materia di M&A e finanziamenti.

Massimo ha anche agito come consulente o avvocato in varie controversie internazionali dinnanzi alle principali corti italiane e davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Inoltre, agisce come esperto in arbitrati e contenziosi internazionali su questioni di diritto italiano, diritto arbitrale, conflitti di legge, diritto societario internazionale e diritto comunitario.

In merito alla sua riconosciuta attività accademica, Massimo è autore di due libri e di vari articoli pubblicati sulle più prestigiose riviste giuridiche italiane e internazionali, ed è co-curatore di un autorevole Commentario sul diritto e la pratica dell’arbitrato in Italia. Le sue aree di interesse si concentrano sul diritto internazionale dell’arbitrato, sul diritto internazionale privato, sul diritto europeo, sul diritto internazionale pubblico e sul diritto societario internazionale (vedi elenco delle pubblicazioni).

Alla luce dei suoi titoli di studio e della sua esperienza professionale, Massimo è stato consulente di diverse istituzioni pubbliche e private, tra cui la Commissione  Europea (membro del Gruppo di Esperti incaricato di analizzare le interazioni tra il diritto comunitario e quello degli Stati membri in materia di arbitrato commerciale in vista della riforma del Regolamento n. 44/2001), Assonime, l’associazione italiana delle società quotate in borsa (membro di un gruppo di lavoro istituito per studiare l’impatto del diritto comunitario sul diritto societario italiano e sul diritto dei mercati finanziari), il Consiglio Nazionale del Notariato italiano (redattore, insieme a un professore di diritto commerciale, di un progetto di legge poi utilizzato dal governo italiano per l’attuazione della X direttiva UE di diritto societario in materia di fusioni transfrontaliere).

Massimo è inoltre regolarmente invitato come relatore o docente a conferenze, workshop, corsi e seminari organizzati dalle principali istituzioni accademiche e professionali di tutto il mondo, tra cui la New York University Law School, il Max Planck Institute Luxembourg, l’International Bar Association, l’Università Bocconi, l’Università di San Paolo, l’Universidad de Concepciòn del Uruguay, l’Europäisches Rechts Akademie di Trier, l’Europäisches Juristentag, Francarbi, la Camera di Commercio Internazionale, l’Associazione Italiana di Arbitrato, la Camera Arbitrale di Milano e la Banca d’Italia. Da novembre 2016 ha trascorso l’anno accademico sabbatico come visiting professor presso la School of Law della Queen Mary University, Londra.

Costantemente impegnato in lavori scientifici e progetti accademici, Massimo è membro del comitato di redazione della Rivista di diritto societario (interno, internazionale, comunitario e comparato) e di Diritto del commercio internazionale, due riviste leader nei settori del diritto societario e del diritto commerciale internazionale. È anche membro associato del Dottorato Europeo in Diritto ed Economia organizzato dalle Università di Bologna, Amburgo e Rotterdam.

Oltre ai suoi impegni professionali e accademici, Massimo è attivamente coinvolto in organismi professionali e istituzionali tra cui la Commission on Arbitration and ADR della ICC, l’International Law Association (membro del Committee on International Arbitration), la Europäisches Rechts Akademie di Trier (membro del Board of Trustees). Massimo è anche membro onorario di ComBar, l’associazione professionale londinese per avvocati commerciali che offrono consulenza alla comunità imprenditoriale internazionale.

Secondo la rivista Global Arbitration Review Who’s Who Legal, Massimo Benedettelli è uno dei “più importanti specialisti italiani in arbitrati”, attivo in procedure di risoluzione delle controversie relative a una serie di settori, tra cui contratti di appalto, joint ventures, energia, proprietà intellettuale e investimenti internazionali.

  • ICC Court of Arbitration, Paris, Commission on Arbitration and ADR
  • ComBar, London, overseas honorary member
  • ACIAM – Atlanta Centre for International Arbitration and Mediation, Atlanta, Arbitration Council
  • Europäisches Rechts Akademie, Trier, Board of Trustees
  • European Doctorate in Law and Economics, Bologna-Hamburg, associate faculty member
  • Rivista di diritto societario, editorial board
  • Diritto del commercio internazionale, editorial board

ARBITRATION

BOOKS

INTERNATIONAL ARBITRATION IN ITALY, Alphen Aan Den Rijn (Kluwer International), 2020, pp. I-XII, pp. 1-730.

(with C. CONSOLO e L. RADICATI DI BROZOLO, (ed.)), COMMENTARIO BREVE AL DIRITTO DELL’ARBITRATO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, Padua (Kluwer Italia – CEDAM), 2017, pp. XLIX- 1335 (second edition).

ARTICLES

Harmonization and Pluralism in the New York Convention: Balancing Party Autonomy and State Sovereignty, in C. Benicke, S. Huber (ed.), NATIONAL, INTERNATIONAL, TRANSNATIONAL: HARMONISCHER DREIKLANG IM RECHT. FESTSCHRIFT FÜR HERBERT KRONKE, Bielefeld (Gieseking), 2020, pp. 1329-1342.

Il (risolvibile) puzzle del rapporto tra Arbitrato internazionale e insolvenze transfrontaliere nel diritto europeo, in CRISI TRANSFRONTALIERA DI IMPRESA: ORIZZONTI INTERNAZIONALI ED EUROPEI (a cura di A. Leandro, G. Meo, A. Nuzzo), 2018, pp. 199-213, in Rivista dell’arbitrato, 2018, pp. 439-457.

International Arbitration of Corporate Disputes: A Workable Balance Between Two Dimensions of Party Autonomy, in ICCA Congress Series, EVOLUTION AND ADAPTATION: THE FUTURE OF INTERNATIONAL ARBITRATION, Alphen Aan Den Rijn (Kluwer International), 2020, pp. 985-1009.

The European Convention on Human Rights and Arbitration : the EU Law Perspective, in F. Ferrari (ed.), THE IMPACT OF EU LAW ON INTERNATIONAL COMMERCIAL ARBITRATION, New York (NYU Press), 2017, pp. 479-535.

Sull’arbitrato societario “internazionale”, in Rivista dell’arbitrato, 2017, pp. 299-326.

Patti parasociali ed arbitrato estero: sul possibile equilibrio tra autonomia societaria ed autonomia compromissoria, in Rivista delle Società, 2017, pp. 631-651.

Applying the UNIDROIT Principles in International Arbitration: An Exercise in Conflicts, in Journal of International Arbitration, 2016, pp. 653-686.

Human rights as a litigation tool in international arbitration: reflecting on the ECHR experience, in Arbitration International, 2015, pp. 1-29.

Le anti-suit injunctions nell’arbitrato internazionale: questioni di legittimità e di opportunità, in Riv. arb., 2014, pp. 701-740.

To Bifurcate or Not To Bifurcate? That is the (Ambiguous) Question, in Arbitration International, 2013, n. 3, pp. 493-506, and Revista de Arbitragem e Mediação, 2014, 243-260.

Cross-border Insolvencies and International Arbitration within the EU: A Solvable Puzzle?, in Cahiers de l’arbitrage, 2012, pp. 783-820.

‘Pensiero debole’ nell’arbitrato commerciale internazionale e comunitarizzazione del diritto dell’arbitrato”, in Dir. comm. int., 2012, pp. 305-325.

‘Communitarization’ of International Arbitration: A New Spectre haunting Europe?” in Arbitration International, 2011, pp. 583-622.

(with L. RADICATI DI BROZOLO), L’Italia e l’arbitrato internazionale, in Corr. giur., 2011, pp.136-143.

Ordinamento comunitario e arbitrato commerciale internazionale: favor, ostilità o indifferenza?, in N. BOSCHIERO, P. BERTOLI (ed.), VERSO UN “ORDINE COMUNITARIO DEL PROCESSO CIVILE. PLURALITÀ DI MODELLI E TECNICHE PROCESSUALI NELLO SPAZIO EUROPEO DI GIUSTIZIA, Napoli (Ed. scientifica), 2008, pp. 111-129.

Arbitrato, borse-valori ed internazionalizzazione dei mercati finanziari, in Riv. soc., 1999, pp. 1323-1343.

L’arbitrato commerciale internazionale tra autonomia privata e coordinamento di sistemi giuridici: riflessioni in margine al nuovo regolamento di arbitrato della Camera di commercio internazionale, in Riv. dir. int. priv. proc., 1997, pp. 899-918.

INTERNATIONAL COMPANY LAW

BOOKS

(with M. LAMANDINI (ed.), Diritto societario europeo internazionale, Turin (UTET), 2017, pp. I-XXI, 1-790.

ARTICLES

Introduzione al diritto internazionale privato ed europeo delle società, in M. BENEDETTELLI, M. LAMANDINI (ed.), Diritto societario europeo e internazionale, Turin (UTET), 2017, pp. 1-67.

Five Lay Commandments for the European Private International Law of Companies, in Yearbook of Private International Law, 2015/2016, pp. 209-251.

Profili di diritto internazionale privato ed europeo delle società, in Rivista di diritto societario, 1/2015, pp. 35-93 e in P. Abbadessa, G.P. Portale (ed.), LE SOCIETA’ PER AZIONI, Milano, 2015, pp. 67-116.

(with A. LEANDRO), Commento al Capo XI del Libro V del codice civile “Delle società costituite all’estero” (artt. 2507-2510), in E. GABRIELLI (ed.), COMMENTARIO AL CODICE CIVILE, Turin, 2015, pp. 1677-1694.

‘Corporate governance’ e sistema dei controlli: spunti per una valutazione internazionalprivatistica, in Quaderni CESIFIN, 2013, pp. 171-185.

La responsabilità civile delle agenzie di rating tra conflitti di leggi e conflitti di giurisdizioni, in Analisi Giuridica dell’Economia, 2012, pp. 475-487.

Centre of main interests of the Debtor under EU Regulation No. 1346/2000 and Insolvency of Cross-Border Groups: a Private International Law Perspective, in Quaderni di Ricerca Giuridica della Banca d’Italia, 2011, pp. 121-134.

Sul trasferimento della sede sociale all’estero, in Riv. soc., 2010, pp. 1251-1273, e in G. SACERDOTI, A. LIGUSTRO (ed.), Liber Amicorum Paolo Picone, Naples (Editoriale Scientifica), 2011, pp. 615-636.

La disciplina internazionalprivatistica, in M. STELLA RICHTER JR. (ed.) Le offerte pubbliche di acquisto, Turin (Giappichelli), 2011, pp. 14-47.

Le opa transfrontaliere nell’ordinamento italiano, in Riv. soc., 2011, pp. 221-252.

Società ed altri enti, in R. BARATTA (ed.), Diritto internazionale privato, Milano (Giuffrè), 2011, pp. 450-465.

Società (diritto internazionale privato), voce per N. IRTI, R. BARATTA (ed.), NUOVO DIZIONARIO DI DIRITTO PRIVATO – DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO, Milano (Giuffrè), 2010, pp. 450-465.

(with G. RESCIO), Il decreto legislativo n. 108/2008 sulle fusioni transfrontaliere (alla luce dello schema di legge di recepimento della X Direttiva elaborato per conto del Consiglio Nazionale del Notariato e delle massime del Consiglio notarile di Milano), in Riv. dir. soc., 2009, pp. 742-754.

Le fusioni transfrontaliere, in P. ABBADESSA, G. PORTALE (ed.), IL NUOVO DIRITTO DELLE SOCIETÀ, Turin (UTET), 2007, Vol. IV, pp. 365-393.

Offerte pubbliche d’acquisto e concorrenza tra ordinamenti nel sistema comunitario, in Banca, borsa, tit. cred., 2007, pp. 551-573.

Brussels I, Rome I and Issues of Company Law, in J. MEEUSEN, M. PERTEGAS, G. STRAETMANS (ed.), ENFORCEMENT OF INTERNATIONAL CONTRACTS IN THE EUROPEAN UNION, Antwerp/Oxford/New York, 2004, 127-153, nonché in European Business Law Review, 2005, pp. 55-81.

Responsibility of Corporate and Supervisory Bodies within the European ‘Market of Company Laws”: Issues of Conflicts of Jurisdictions and Conflicts of Laws”, in Zeitschrift für Schweizerisches Recht, 2005, pp. 481-502.

Mercato comunitario delle regole e riforma del diritto societario italiano, in Riv. soc., 2003, pp. 699-722.

Criteri di giurisdizione in materia societaria e diritto comunitario, in Riv. dir. int. priv. proc., 2002, pp. 879-922.

Libertà comunitarie di circolazione e diritto internazionale privato delle società, in Riv. dir. int. priv. proc., 2001, pp. 569-620.

‘Corporate governance’, mercati finanziari e diritto internazionale privato”, in Riv. dir. int. priv. proc., 1998, pp. 713-744, nonché in RACCOLTA DI STUDI IN ONORE DI FRANCESCO CAPOTORTI, II, Milano (Giuffrè), 1999, pp. 509-547.

Ulteriori riflessioni sull’ambito di applicazione della legge n. 287/1990, in Contratto e impresa, 1992, pp. 587-601.

Le direttive comunitarie sulla pubblicità delle ‘succursali’, in Riv. dir. comm., 1990, pp. 845-875.

PUBLIC INTERNATIONAL LAW

contributing to P. PICONE, LA GIURISPRUDENZA ITALIANA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PUBBLICO – REPERTORIO 1987-1997, Naples, (Ed. Scientifica), 1997.

Depositi in eurodollari e blocking orders statunitensi in una recente sentenza inglese, in Dir. comm. int., 1988, pp. 284-301.

contributing to P. PICONE, B. CONFORTI, LA GIURISPRUDENZA ITALIANA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PUBBLICO – REPERTORIO 1960-1987, Naples, (Ed. Scientifica), 1988.

Sull’applicazione extraterritoriale delle misure di embargo degli Stati Uniti relative al ‘gasdotto siberiano’, in Riv. dir. int., 1984, pp. 529-574.

EUROPEAN UNION LAW

BOOKS

IL GIUDIZIO DI EGUAGLIANZA NELL’ORDINAMENTO GIURIDICO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, Padua (CEDAM), 1989, pp. I-XVII e 1-465.

ARTICLES

Profili internazionalprivatistici della disciplina comunitaria dei mercati finanziari: la Direttiva MiFID tra conflitti di legge e conflitti di giurisdizione, in ASSOGESTIONI (ed.), LA ATTUAZIONE DELLA MIFID IN ITALIA, Bologna (Il Mulino), 2009, pp. 69-118.

L’autonomia negoziale tra lex contractus, lex societatis e lex mercatus nel mercato comunitario delle regole, in Riv. dir. soc., 2007, pp. 39-49.

Offerte pubbliche d’acquisto e concorrenza tra ordinamenti nel sistema comunitario, in Banca, borsa, tit. cred., 2007, pp. 551-573.

Connecting factors, principles of coordination between conflict systems, criteria of applicability: three different notions for an ‘European Community private international law’, in Diritto dell’Unione Europea, 2005, pp. 421-440.

Mercato comunitario delle regole e riforma del diritto societario italiano, in Riv. soc., 2003, pp. 699-722.

Sul rapporto fra diritto comunitario e diritto italiano della concorrenza (riflessioni in margine al disegno di legge n. 3755 ed al regolamento comunitario sulle concentrazioni, in Foro it., 1990, IV, cc. 199-235.

Principio di eguaglianza e divieti di discriminazione nella giurisprudenza comunitaria in materia di diritti di mobilità territoriale e professionale dei lavoratori”, in Riv. dir. eur., 1983, pp. 325-371.

In aggiornamento.